Quell’ardore doloroso di vita. Charles Bukowski, “Azzeccare i cavalli vincenti”

di Francesco Sasso

Se comprerete Azzeccare i cavalli vincenti (Feltrinelli, 2009), avrete tra le mani uno dei migliori libri di Bukowski. Il volume raccoglie saggi inediti e racconti pubblicati fra il 1946 e il 1991 su riviste letterarie underground. Possiamo quindi leggere i primi racconti giovanili (Conseguenze di una lunga lettera di rifiuto [1944] e Venti carri armati da Kasseldown [1946], in verità acerbi e opachi frutti letterari), per poi arrivare ai racconti concepiti con la tecnica dello scrittore che tanto abbiamo amato. Leggeremo anche alcuni manifesti dai titoli oltraggiosi come In difesa di un certo tipo di poesia, di un certo tipo di esistenza, di un certo tipo di creatura fatta di carne e ossa e sangue che un giorno morirà, oppure Saggio sconnesso sulla poesia e sulla vita sanguinante scritto mentre sto bevendo una confezione da sei (grande), e ancora Sulla matematica del respiro e dello stile; inoltre Prefazione mai pubblicata a “7 on Style” di William Wantling; o il lungo racconto omaggio a John Fante (Incontro il Maestro) in cui Bukowski rievoca l’incontro letterario e poi umano con Fante. Ma la raccolta è ben più ricca.

Uno dei segreti dell’efficacia della scrittura di Bukowski sta nell’apparenza nichilista e di impassibilità, che rende più vibrato lo sdegno sotterraneo, più icastico il lampeggiare dell’ironia di ogni episodio raccontato. Il sarcasmo è una delle forme più frequenti della rottura nella narrazione bukowskiana, e si svolge in tutte le gradazioni, dalla punta sottile fino al grottesco più acceso e carico.

Lo stile di Bukowski è diretta espressione dell’animo, in quanto ne riflette fedelmente l’inquietudine e il tormento. La frase segue il corso delle idee e delle immagini. Egli scorge in sé e negli uomini quell’ardore doloroso di vita, che si risolve a volte nella frase tagliente. Il suo approccio alla letteratura non è politico o filosofico, ma personale. I racconti derivano dalla esperienza diretta della vita metropolitana e della realtà americana, ed esprimono l’indignazione prevalentemente nei riguardi della società americana contro cui si scaglia.

f.s.

[Charles Bukowski, Azzeccare i cavalli vincenti, a cura di David Stephen Colonne, trad. Simona Vicini, Feltrinelli, 2009, pp.269, € 17,00]

______________________________

[Leggi tutti gli articoli di Francesco Sasso pubblicati su RETROGUARDIA 2.0]

Annunci