Marco Scalabrino, “La casa viola”

di Francesco Sasso

Nella raccolta La casa viola di Marco Scalabrino (n.1952, Trapani) cogliamo una sensibilità modernista, all’interno dell’eredità della poesia dialettale, che si esprime in immagini espressionistiche e persino in visioni di inequivoca matrice paradosso-farsesco.

PALLUNI: Hậ’ cafuddari pidati nta un palluni / Hậ’ cafuddari pidati nta un palluni / Hậ’ cafuddari pidati nta un palluni / Hậ’ cafuddari pidati nta un palluni / Hậ’ cafuddari pidati nta un palluni / Hậ’ cafuddari pidati nta un palluni / Hậ’ cafuddari pidati nta un palluni (p.54)

La lingua di Scalabrino è immersa nella spigolosa musicalità del siciliano che si stempera nella concreta valorizzazione dello sperimentalismo metrico. Scalabrino tenta di immettere nella poesia dialettale quell’intreccio tra una nuova estetica e una ripresa etica, un intreccio rivitalizzante, lontano dalla tradizione popolare di certa poesia dialettale. Trovo molto belle le liriche C’è…, Battana (p.69) e Batteria:

C’È . . .: C’è tanfu di morti e scrusciu di guerra. // C’è in giru arrè pi st’Europa lasca / crozzi abbirmati cu li manu a l’aria. // C’è surci di cunnuttu assimpicati / chi abbentanu, ogni notti di cristallu / li picca l’esuli l’emarginati. // C’è forbici ammulati di straforu / chi tagghianu di nettu niuru e biancu / lu sud lu nord lu pregiu lu difettu. // C’è vucchi allattariati di murvusi / chi masticanu vavi di sentenzi / cu ciati amari chiù di trizzi d’agghia. // C’è svastichi c’è fasci c’è banneri / chi approntanu li furni a camiatura / cu faiddi di libra e di pinzeri. // C’è culi ariani beddi e profumati / chi strunzianu fora di li cessi. // C’è di quartiarisi; c’è di ncugnari. // C’è catervi di cazzi di scardari / – droga travagghiu paci libertà // giustizia malatia puvirtà … // e c’è na razza sula: chidda umana. (p.51)

(C’È . . .: C’è lezzo di morte e brontolio di guerra. // C’è ancora in quest’Europa lacerata / scheletriche braccia / le falangi contorte alzate al cielo, / le orbite ridotte vermicaio. // C’è topi di fogna assatanati / che azzannano / in notti di cristallo rosso-sangue / i deboli, i reietti, i senza-voce. // C’è subdole forbici affilate / che separano senza pietà / il bianco e il nero, il sud e il nord / chi ha diritto di vivere e chi può morire. // C’è bocche ributtanti / che vomitano sentenze dal fiato greve / più di spicchi d’aglio. // C’è svastiche c’è fasci c’è bandiere: / divampano i forni assassini / e ottuse lingue di fuoco / divorano sapere e civiltà. // C’è culi ariani lisci e profumati / che stanno facendo del mondo una latrina. // C’è da stare alla larga; / c’è da tenerci stretti e far barricate. // C’è cataste di rogne da grattare / – droga, lavoro, pace, libertà / giustizia, malattia, povertà … // e c’è una razza sola: quella umana. [Trad. di Flora Restivo])

BATTERIA: Avissivu a sentiri battaria stanotte // è sulu l’universu / nna tuttu lu so pisu / chi di ncapu a / li mei spaddi / ca tramusciu d’ossa / e sangu e lastimi / paru paru / jusu jusu / nzina a li pedi / scinni / e nesci / e munciuniatu / di li visciri di la terra / subissa // nun vi spagnati. (p.69)

(FRASTUONO: Se doveste sentire frastuono stanotte // è solamente l’universo / in tutto il suo peso / che attraverso me / con sconquasso di ossa / e sangue e spasmi / per intero / giù giù / sino ai miei / piedi / scende / ed erompe / e sprofondo / sgretolato / nelle viscere della terra // non state a preoccuparvi. [Trad. di Maria Pia Virgilio])

Interessanti le poesie brevi che posseggono sviluppi tipici dell’haiku.

APPRESSU: <Ju vogghiu essiri montagna> / <E ju la nivi eterna maculata> (p.91)

Il verso come strumento per indagare gli enigmi dell’essere e la condizione umana nella contemporaneità.

LATRU: Arrubbari na cicara di tempu. / P’arristari / LATRU / pi sempri. (p56)

La raccolta La casa viola offre anche la traduzione delle poesie in italiano e in altre lingue quali francese, inglese, corso, brasiliano, scozzese e spagnolo.

f.s.

[Marco Scalabrino, La casa Viola, Edizioni del Calatino, 2010, pp.102, € 7,00]

______________________________

[Leggi tutti gli articoli di Francesco Sasso pubblicati su RETROGUARDIA 2.0]

Annunci