Il gioco della vita nelle “Carte” di Francesco De Napoli

Francesco De Napoli, Carte da giocoFrancesco De Napoli, Carte da gioco. Trilogia dell’infanzia. Prefaz. di Mario Santoro. Testimonianze di Massimo Grillandi e Giorgio Bàrberi Squarotti. Osanna Edizioni, Venosa, 2011, pp. 72

_____________________________

di Paolo Ruffilli

.

Francesco De Napoli ha opportunamente riunito in un unico libro tre poemetti, usciti in tempi diversi: L’attesa (1987), La casa del porto (1994-2002) e Carte da gioco (2001). Ne risulta un’operetta compatta e coerente, di intonazione poematica, che ha preso il titolo complessivo di Carte da gioco (Osanna Edizioni, 2011, pp. 72), introdotta da un’ampia e circostanziata prefazione di Mario Santoro.

Carte da gioco raccoglie e sancisce poeticamente l’infanzia lucana di De Napoli, le memorie della vita in famiglia segnata drammaticamente dalla morte del padre ferroviere e caratterizzata dalla figura intensa della madre, insieme e accanto alle altre figure portanti e decisive nell’educazione sentimentale di Francesco, dal nonno alle sorelle Ketty e Titti.

La poesia di De Napoli è rastremata ed incisiva e la sua vena elegiaca imbriglia le emozioni costringendole nella direzione di una volontà di approfondimento e di conoscenza che usa la pelle senza rinunciare alla testa, e capace insomma di esercitare una regia sulla mobilità dei sentimenti che agiscono nei legami di sangue dentro i quali, non solo attraverso i ricordi, la mente si sforza di entrare per capire mettendo a fuoco la propria personale identità.

_____________________________

Annunci