Riflessioni sulla poesia su GAMMM

La quarta uscita della collana kritik è un testo di Jean-Marie Gleize: Opacità critica. Il file, di 744 Kb, può essere scaricato direttamente QUI
o dalla pagina EbooKritik: http://gammm.org/index.php/ekritik/.


 

La seconda uscita della collana kritik è un saggio di Christophe Hanna: Poesia azione diretta. Contro una poetica del gingillo, tratto da Poésie action directe, uscito per le Éditions Al Dante nel 2003. Il saggio presenta un’analisi del fatto poetico che si distacca dalla tradizione formalista e parte dalle ultime proposte testuali dei nuovi autori francesi. Potete scaricare il file .pdf (192 KB) qui o qui.


Paragrafi sulla scrittura concettuale di Kenneth Goldsmith

(da: «Open Letter. A Canadian Journal of Writing and Theory», dodicesima serie, n. 7: autunno 2005)

Chiamerò il tipo di scrittura di cui mi occupo «scrittura concettuale». Nella scrittura concettuale, l’idea o il concetto costituisce l’aspetto più importante del lavoro di scrittura. Utilizzare una forma concettuale di scrittura significa, per l’autore, pianificare il proprio lavoro e compiere delle scelte a priori, di modo che l’atto della scrittura diventa una questione puramente accessoria. L’idea diventa una macchina che produce il testo. Non si tratta di un tipo di scrittura teorica o tale da illustrare posizioni teoriche; è intuitiva, coinvolge qualsiasi tipo di processo mentale ed è priva di finalità. Non dipende dalle abilità artigianali dello scrittore. Nella scrittura concettuale, a rendere il lavoro mentalmente interessante per il lettore è l’obiettivo dell’autore, il quale tende di norma a rendere il testo emotivamente arido. Non c’è, tuttavia, ragione di supporre che lo scrittore concettuale intenda annoiare il lettore. Solo l’aspettativa di uno stimolo emotivo e il condizionamento a cui ci ha abituati la letteratura romantica può impedire al lettore di comprendere questo tipo di scrittura. CONTINUA A LEGGERE QUI

(f.s.)


FONTE: http://gammm.org/

Advertisements