Giuseppe Panella, “ L’OCCASIONE DELLA POESIA”

Giuseppe Panella, L'occasione della poesiaGiuseppe Panella, L’occasione della poesia. Poesie 2007-2014, Interlinea, 2015, 96 p, € 14

_____________________________

di Diego Baldassarre

Quando passa l’Angelo della Morte a scompigliare i capelli, il tempo non ha più lo stesso battito a cui eravamo abituati. Diventa uno stato sospeso dove i punti di riferimento perdono ogni certezza e l’incantesimo della memoria prova a ricostruire quella scialuppa di salvataggio che è il ricordo, l’ultima occasione per dimostrare a se stessi di essere Sopravvissuti.
I versi, profondi e toccanti, raccolti nella silloge “ L’Occasione Della Poesia”di Giuseppe Panella, riflettono questo stato d’animo. Le poesie fluiscono con un senso di indefinitezza, sottolineato mirabilmente dall’assenza della punteggiatura finale. Gli unici “punti” presenti nella raccolta sono rappresentati dai “puntini di sospensione”.
Nella chiusura della poesia“L’occasione Perduta”, troviamo questi versi che racchiudono il senso più intimo del libro: Ma oggi bisogna gridare, non cantare/ o teorizzare e la poesia vale proprio/in quanto è il canto di un dolore…


Nel marasma dei ricordi, rimpianti, tormenti fisici e psicologici, la poesia diventa l’urlo liberatorio dell’uomo. La forza del verso travalica le considerazioni filosofiche, i ragionamenti epicurei e razionali. Di fronte al dolore l’essere umano ha due possibilità: abbandonarsi all’abisso muto della paura o reagire sfruttando tutte le opportunità che le risorse interiori mettono a disposizione. Giuseppe Panella ha utilizzato “l’occasione della poesia” per difendere se stesso dal degrado psico-fisico rendendo il lettore partecipe e compartecipante di questo riscatto.

 

 

Annunci